Comunichiamo ai gentili clienti che, a causa delle difficoltà globali legate all'approvvigionamento delle materie prime da parte dei nostri fornitori, potrebbero verificarsi dei rallentamenti sulle consegne di alcuni prodotti non disponibili nei nostri magazzini.
Per info e ordini Telefono Chefline.it +39 049 5342967 Whatsapp Chefline.it +39 366 8630408
spedizioni gratuite con Chefline.it
SPEDIZIONI GRATUITE
in Italia per ordini superiori a € 199,0 + IVA (isole, estero e zone disagiate escluse)

BONUS RISTORANTI / GELATERIE / PASTICCERIE 2022

bonus ristorante 2022

 

Cos'é il Bonus Ristoranti?

Il Bonus Ristoranti è un contributo riconosciuto alle imprese a sostegno delle eccellenze della gastronomia e dell’agroalimentare italiano destinato a rimborsare fino al 70% delle spese (massimo 30.000 euro) per l’acquisto di macchinari e beni strumentali durevoli.

A chi è destinato?

Il Bonus Ristoranti è destinato alle seguenti categorie:

Ristorazione con somministrazione (Codice ATECO 56.10.11): imprese attive e regolamentate nel Registro delle Imprese da almeno 10 anni o che hanno acquistato nei 12 mesi precedenti prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI, SQNZ e prodotti biologici per almeno il 25% degli acquisti totali.

Gelaterie e Pasticcerie (Codice ATECO 56.10.30) Attività di Produzione di Pasticceria Fresca (Codice ATECO 10.71.20) iscritte al Registro delle Imprese da almeno 10 anni o che hanno acquistato nei 12 mesi precedenti prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI e prodotti biologici per almeno il 5% degli acquisti totali.

Requisiti per l'ottenimento del Bonus Ristoranti

Al fine di ottenere il Bonus Ristoranti è necessario soddisfare i seguenti requisiti:

  • Essere attività commerciali regolarmente attive, non in liquidazione volontaria e non sottoposte a procedura concorsuale o situazione equivalente.
  • Non essere economicamente in difficoltà.
  • Essere attività regolarmente iscritte a INPS, INAIL e con DURC regolarmente aggiornato.
  • Non avere ricevuto contributi considerati illegali o incompatibili.
  • Non avere pratiche o rimborsi in sospeso per altre agevolazioni in corso.

Chi non può ricevere il Bonus?

Sono escluse dal Bonus Ristorante le seguenti attività:

  • Imprese a cui sono state applicate sanzioni interdittive.
  • I titolari di imprese con vertenze penali.

Quali spese sono ammissibili nel Bonus Ristorante?

Sono comprese nel Bonus Ristoranti 2022 tutte le spese per macchinari e beni strumentali.

Questi beni devono rimanere all’interno dell’impresa per almeno 3 anni da quando viene concesso il bonus e il pagamento deve essere tracciabile e provenire da un conto intestato all’azienda.

Quali spese sono escluse dalla detrazione?

Sono escluse dalla detrazione le spese per:

  • Beni acquistati prima della richiesta del bonus;
  • Pezzi di ricambio o componenti di un determinato macchinario;
  • Terreni, fabbricati e relativi impianti;
  • Automezzi;
  • Attrezzature usate o rigenerate;
  • Utenze (es. luce, gas ecc);
  • Imposte e tasse;
  • Buoni pasto;
  • Costi legali e notarili.

A chi rivolgersi per ottenere il Bonus Ristorante?

La richiesta per il Bonus Ristorante deve essere fatta al MIPAAF tramite portale INVITALIA.

Le richieste verranno valutate da parte del Ministero in ordine cronologico di presentazione. 

In caso di accettazione, il contributo verrà erogato sul conto corrente indicato in fase di richiesta.

Come richiedere il Bonus Ristorante?

La richiesta di erogazione del Bonus Ristorante deve avvenire entro 30 giorni dall’ultimazione delle spese allegando:

  • Copia delle fatture dei macchinari e/o beni;
  • Copia della ricevuta/tracciamento dei pagamenti;
  • Relazione tecnica finale (che attesti il totale pagamento delle spese).

Il Ministero, entro 90 giorni dal ricevimento della domanda, erogherà il contributo sul conto corrente del beneficiario indicato in fase di richiesta.

È possibile richiedere l’erogazione anticipata per un massimo del 50% del contributo con fideiussione bancaria o assicurativa.

In quali casi il Bonus Ristorante viene revocato?

Il Bonus Ristorante è revocato nei seguenti casi:

  • Perdita di uno dei requisiti di ammissibilità;
  • False dichiarazioni;
  • Apertura di liquidazioni prima della data di erogazione del bonus;
  • Mancato monitoraggio all’adempimento degli obblighi da parte del richiedente;
  • Delocalizzazione dell’attività economica.

 

 


Vai al
carrello